JACQUESSON

Champagne Extra Brut Cuvée 743 - Jacquesson

69,00 €
Prodotto disponibileProdotto disponibile

vinosita pagamento sicuro Pagamento sicuro
vinosita spedizione veloce Spedizione veloce
vinosita imballo sicuro Imballo sicuro

Scheda tecnica

Tipologia: Champagne
Annata: NV
Formato: 0.75LT
Denominazione: Champagne AOC
Vitigni: Chardonnay 57%, Pinot Meunier 22%, Pinot Noir 21%
Gradazione: 12,00%
Temperatura Servizio: 8°-10°C
Affinamento: Almeno 36 mesi sui lieviti
Abbinamento: Antipasti di pesce, Crostacei, Molluschi, Secondi di pesce
Nazione: Francia
Regione: Champagne
Note Degustative
Colore paglierino oro. Perlage finissimo e persistente. Naso di grande sostanza e complessità, con note di frutta bianca (pera e pesca) pompelmo, che vira su sentori di nocciola e pasticceria con un’impronta iodata e sapida. In bocca è ricco energico e verticale, perfettamente bilanciato in tutte le componenti.
Parte dall’annata 2015 raccolta nei comuni di Aÿ, Dizy, Hautvillers (60%), Avize e Oiry (40%): l'inverno e una buona parte della primavera sono stati miti e piovosi. Seguiti da un periodo di siccità e caldo che è durato fino a metà agosto. La stagione termina con un'alternanza di freschezza umida e caldo secco. La raccolta inizia il 10 settembre e termina il 30.La vendemmia è stata molto omogenea e producendo uve perfettamente mature e sane, in quantità ragionevoli e benefiche con acidità abbastanza sufficiente; una splendida vendemmia quindi. Alcuni vini di riserva vanno a completare la Cuvée. Un sistema, quello di associare un numero a ogni Cuvée, nato con la vendemmia del 2000 e con la Cuvée 728 che ha reso questo Champagne da subito originale. Nella loro serie “7” non vengono usati solamente i vini di riserva di ogni millesimo, ma addirittura l’assemblaggio delle Cuvèe precedenti; siamo di fronte, quindi, a un vero multimillesimato.
Vigneti Uve Chardonnay provenienti dal Grand Cru di Avize; Pinot Noir provenienti dal Grand Cru di Ay e dal Premier Cru di Dizy e Pinot Meunier dal Grand Cru di Oiry e dal Premier Cru di Hautvillers Vinificazione Prima fermentazione in grandi fusti di rovere con sosta sulle fecce fini, assemblaggio con vini di riserva per il 33% e rifermentazione in bottiglia secondo il Metodo Champenoise. Senza filtrazioni e con bassi livelli di solfiti Affinamento Almeno 36 mesi sui lieviti Uno Champagne che nasce da una piccola rivoluzione, da una filosofia che prende il vino come riferimento dell’annata, come specchio dell’andamento climatico della stessa. Una filosofia esplicitata alla perfezione nel retro dell’etichetta, dove ogni anno troviamo la percentuale di Chardonnay, Pinot Noir e Pinot Meunier utilizzata, ma anche il diverso rapporto fra vino d’annata e vino di riserva
Jacquesson
Questa storica Maison ha sede a Dizy, località a pochi chilometri a Nord di Epernay, ai piedi della Montagne de Reims. La cantina fu fondata da Memmie Jacquesson nel lontano 1798 ed ebbe immediatamente un grande successo, tanto che l'Imperatore Napoleone nel 1810 le conferì la medaglia d'oro "pour la beauté et la richesse de ses caves ", che a quell'epoca era il massimo riconoscimento per un'azienda commerciale. Adolphe Jacquesson, figlio di Memmie, diede uno straordinario impulso all'azienda, introducendovi importanti novità: nella conduzione della vigna, assistito da Jules Guyot, introdusse l'omonima innovativa tecnica di impianto e potatura, che inseguito ebbe diffusione in tutto il mondo, e nel 1844 mise a punto e brevettò la geniale" gabbietta" per trattenere il tappo delle bottiglie di Champagne, che anche oggi, se pur con qualche piccola variazione, viene usata. La maison ebbe un repentino tracollo quando, verso il 1860, morirono tragicamente entrambi i figli di Adolphe e fu Leon de Tassigny a risollevarne le sorti nel 1925. Oggi alla guida della Maison si trovano Laurent Chiquet, che si occupa della cantina e Jean-Hervé Chiquet che si occupa della vigna; i due fratelli si sono imposti il l'ambizioso obiettivo di produrre sempre il miglior vino possibile, che rappresenti appieno l'annata. Non utilizzano "vins de réserve" delle annate precedenti per migliorare il vino prodotto nelle annate meno felici: le "cuvées" di ogni singola annata sono per la grandissima parte costituite da uva dell'annata stessa. La Maison Jacquelsson coltiva 36 ettari di vigne, 26 di proprietà e 10 presi in affitto, tutti Premier o Grand Cru situati nella zona collinare della Vallée de la Marne e nella Cote des Blancs. Il successo della Maison è dovuta alla grande passione che guida la mano e il cuore dei attuali proprietari, degni eredi del grande Adolphe Jacquesson.
chat Commenti (0)

1 other product in the same category: