DAL FORNO ROMANO

Valpolicella Superiore 2008 - Valpolicella DOC - Dal Forno Romano

120,00 €
Poca disponibilitàUltime bottiglie disponibili

Puoi ordinare:1 quantità di questo prodotto
vinosita pagamento sicuro Pagamento sicuro
vinosita spedizione veloce Spedizione veloce
vinosita imballo sicuro Imballo sicuro

Scheda tecnica

Tipologia: Rosso
Annata: 2008
Formato: 0.75LT
Denominazione: Valpolicella DOC
Vitigni: corvina e corvina grossa 70%, rondinella 20%, croatina 5%, oseleta 5%
Gradazione: 14,50%
Temperatura Servizio: 18/20°C
Affinamento: 24 mesi in barrique nuove
Abbinamento: Primi di Terra , Secondi di Terra
Nazione: Italia
Regione: Veneto
Note Degustative
Rosso rubino intenso e impenetrabile alla vista. Elegante il bouquet olfattivo, composto dapprima da sentori di ciliegie scure e prugne rosse mature, poi arricchito da eleganti richiami al catrame e alla grafite. Ricco il palato, guidato da acidità equilibrata e tannini luminosi. Concentrata e lunga la chiusura.
Il Valpolicella Superiore è frutto dei medesimi e rigorosi criteri adottati per produrre l’Amarone Dall’annata 2002, le uve che diventano Valpolicella subiscono un appassimento di circa un mese e mezzo. Ne nasce un vino intenso ed aromatico, di categoria differente rispetto a quella in cui storia e territorio lo schierano. Al palato presenta note di vaniglia. Mirtillo. Di mora. Di ciliegia. Di cioccolato. Di spezie dolci e confettura Questo è un vino adatto ad accompagnare ed esaltare piatti grassi a base di carne rossa, carne alla brace e brasati e che ben si sposa con formaggi stagionati e di carattere.
TERRENO: Di origine alluvionale, composto per il 70% da ghiaia, 15% limo e 15% argilla. PERIODO DI RACCOLTA: Da metà settembre alla fine di ottobre, dopo la selezione dei grappoli migliori, sui quali si esegue una minuziosa cernita manuale al fine di asportare tutti gli acini meno pregiati. L’uva raccolta viene posta in plateaux di plastica e fatta riposare per 45 giorni in ampi locali aperti, dove un innovativo sistema di ventilazione mantiene un flusso d’aria elevato e capillare. UVAGGIO: 70% Corvina e Corvina grossa, 20% Rondinella, 5% Croatina, 5% Oseleta. PIGIATURA: Solitamente inizia nei primi giorni di novembre, dopo aver svolto un’ulteriore cernita manuale su ciascun grappolo, con lo scopo di rimuovere tutti i chicchi che si sono avariati durante il periodo di appassimento. FERMENTAZIONE: In vasche di acciaio a temperatura controllata (circa 28 gradi), dotate di un sofisticato impianto computerizzato che permette di effettuare delle follature automatiche per un periodo di circa quindici giorni, compresa la macerazione finale di due giorni. AFFINAMENTO: Dopo la svinatura, il Valpolicella sosta per qualche giorno in serbatoi d’acciaio inox che, grazie alla loro forma particolare, consentono una facile decantazione. Successivamente, il vino viene fatto maturare in barriques nuove per 24 lunghi mesi. IMBOTTIGLIAMENTO: E’ la fase finale del processo produttivo. Avviene dopo aver concluso l’assemblaggio delle varie barriques nonché la filtrazione della massa così ottenuta. Un ulteriore affinamento di 36 mesi in bottiglia precede la messa in commercio del prodotto finito.
Dal Forno Romano
Aveva 22 anni, quando Romano Dal Forno conobbe per la prima volta Giuseppe Quintarelli, colui il quale gli presentò un nuovo modo di coltivare la vite e di produrre vino, basato sulla qualità piuttosto che sulla quantità. Da allora, investendo sul proprio territorio e superando le difficoltà iniziali che non furono poche, Romano è riuscito, grazie anche al prezioso contributo dei figli Marco, Luca e Michele, a far arrivare la sua azienda ai posti di prim’ordine nell’enologia internazionale. A partire dai primi anni ’80, ed esattamente dalla stagione 1983, vendemmia dopo vendemmia, Amarone della Valpolicella e Valpolicella DOC, etichettati “Dal Forno Romano”, si sono sempre puntualmente piazzati ai vertici dell’eccellenza. Una maniacale attenzione è rivolta a tutti i processi produttivi, tanto tra i filari quanto in cantina, partendo dall’impianto dei vigneti per arrivare alle tecniche di appassimento. In vigna, dopo anni e anni di sperimentazioni, oggi i metodi agronomici seguiti sono precisi e scrupolosi, come anche le tecniche di appassimento per la produzione dell’Amarone sono state messe appunto curando ogni minimo e più piccolo dettaglio. In cantina, sfruttando una struttura costruita durante l’ultimo decennio del secolo scorso, mai sono surclassate quelle che sono le più antiche tradizioni territoriali. È così che, nella Val d’Illasi, poco a est di Verona, vengono coltivati gli oltre dodici ettari vitati di proprietà, cui si aggiungono altri dodici ettari in affitto, dai quali prendono vita etichette che rappresentano ormai da anni l’eccellenza di un’intera regione, simboleggiando allo stesso tempo l’emblema della superba qualità che ogni grande produttore di vino dovrebbe puntare a raggiungere. Dal Valpolicella Superiore all’Amarone della Valpolicella, dal Vigna Seré fino ad arrivare al Monte Lodoletta, sono tutti vini, quelli targati “Romano Dal Forno”, che da tempo ormai tengono alta la bandiera del miglior “made in Italy” se si parla di vino. Etichette da favola
chat Commenti (0)

8 altri prodotti della stessa categoria: